Camorra, blitz della Polizia contro gli “Scissionisti”. Numerosi arresti. Rischio di una nuova faida

Dopo gli ultimi omicidi nella zona a nord di Napoli, in particolare a Melito, è scattato il blitz della Squadra Mobile della Polizia di Napoli. Numerosi gli arresti. Nella zona c’è il rischio di una nuova faida di camorra dopo quella fra i Di Lauro e gli Scissionisti che negli anni passati provocò decine di morti. L’operazione è ancora in corso.

Napoli, omicidio a Melito:ucciso Patrizio Serrao. In corso una faida interna agli scissionisti

Un altro agguato a Melito dopo il ritrovamento di due persone carbonizzate: è stato ucciso Patrizio Serrao, di 52 anni. Un omicidio che secondo i carabinieri che stanno indagando anche sul duplice omicidio dell’altro giorno, sarebbe avvenuto per la faida in atto all’interno al gruppo di camorra degli Scissionisti della zona a Nord di Napoli. Un gruppo che fu protagonista alcuni anni fa di una sanguinosa guerra con decine di omicidi, che vide proprio gli Scissionisti prevalere sul clan Di Lauro. Serrao la notte scorsa stava tornando a casa, in Via Umbria, quando è stato affrontato ed ucciso da sconosciuti. L’altro giorno due persone erano state trovate dai carabinieri all’interno di un’auto in fiamme. Si tratterebbe – ma lo stabilirà con certezza l’esame del DNA- di due narcos legati proprio agli Scissionisti. Dopo i numerosi arresti che hanno decapitato il clan che gestisce numerose piazze di spaccio nella zona a nord di Napoli con ogni probabilità -spiegano gli inquirenti- è in atto una guerra all’interno del gruppo.

Melito, Napoli. Blitz antidroga: inseguito dai carabinieri sale sul tetto e cade giù. E’ morto

Alessandro Marrone, 34 anni, è morto cadendo giù dal tetto al 5. piano di un palazzo di Melito. I Carabinieri stavano facendo un blitz in una delle piazze di spaccio della zona a nord di Napoli, in via Londra, a Melito. Hanno inseguito una persona che scappava, Marrone appunto: quest’ultimo è salito al quinto piano, sul tetto ed è scivolato giù. Per lui niente da fare. Secondo gli investigatori sarebbe stato un palo. La gente del rione ha cercato di aggredire i carabinieri ma la situazione è tornata sotto controllo.