Mario Caterino, n.2 dei Casalesi, si nascondeva a 50 metri dalla Polizia

Basta questo per capire come Mario Caterino, alias ‘a botta, godesse a Casal di Principe della massima copertura da parte della gente: l’abitazione dell’imbianchino dove lo hanno arrestato era a poche decine di metri dalla sede della Polizia a Casal di Principe. Caterino cambiava anche 5 nascondigli in poche ore per poter incontrare la moglie o i familiari.

Camorra, preso a Casal di Principe Mario Caterino, il n.2 dei Casalesi. Ora manca solo Zagaria

La Squadra Mobile di Caserta con i colleghi del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato e della Squadra Mobile di Napoli, ha arrestato il super latitante Mario Caterino, alias ‘a botta, braccio destro del capo indiscusso del clan dei Casalesi – Francesco Schiavone detto Sandokan.

Continua a leggere