Napoli, terremoto negli Uffici giudiziari: arrestati avvocati, cancellieri, commessi e operatori

I Finanzieri del Nucleo di Polizia tributaria del Comando provinciale di Napoli hanno eseguito stamattina 26 ordinanze cautelari, di cui 3 in carcere, 22 ai domiciliari e una misura interdittiva provocando un vero e proprio terremoto in Corte d’Appello e al Tribunale di sorveglianza.Tra gli arrestati vi sono 4 avvocati e 9 tra cancellieri, commessi e operatori giudiziari. Gli indagati sono accusati a vario titolo di associazione per delinquere, corruzione in atti giudiziari, violazione del segreto istruttorio, occultamento di fascicoli processuali e accesso abusivo ai sistemi informatici. Tutti reati che sarebbero stati commessi all’interno di uffici giudiziari di Napoli, in particolar modo presso la Corte d’Appello e presso il Tribunale di sorveglianza. L’indagine della Finanza coordinata dal procuratore aggiunto Alessandro Pennasilico.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Napoli, terremoto negli Uffici giudiziari: arrestati avvocati, cancellieri, commessi e operatori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *