Camorra: patto fra i clan Mallardo, Licciardi e Bidognetti per gestire i traffici illeciti da Napoli al basso Lazio

47 arresti sono stati eseguiti dai Carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Napoli. Si tratterebbe di presunti affiliati ai clan Mallardo di Giugliano, Licciardi di Secondigliano e Bidognetti di Casal di Principe. Una specie di triumvirato per gestire i traffici illeciti nella zona a nord di Napoli, in particolare nel Giuglianese, ma anche in molti comuni delle province di Napoli e Caserta: così – secondo i magistrati della Direzione distrettuale antimafia – si era riorganizzato il clan Mallardo stringendo ancora di più accordi con i suoi alleati: i reati vanno dall’associazione mafiosa all’estorsione, alla detenzione di armi da guerra. Di questo Direttorio che doveva mantenere il controllo delle estorsioni e del traffico di droga aveva parlato un pentito del clan dei Casalesi.
E adesso -con i capi tutti condannati all’ergastolo, con le nuove leve che sgomitano- il patto era diventato esecutivo. Fino ad oggi. Nel corso dell’operazione sono stati sequestrati beni per milioni di euro.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *