Camorra & impegno civile: il “Festival a casa del boss” per realizzare una pizzeria a Scampia

Il Festival dell’Impegno Civile è l’unica rassegna italiana interamente realizzata nei beni confiscati alla criminalità organizzata, voluta dal comitato don Peppe Diana e dedicata proprio al sacerdote ucciso dalla camorra. Il giornalista Pietro Nardiello, ideatore del progetto, ha scritto “Il festival a casa del boss” per Phoebusedizioni, un libro che offre l’opportunità di confrontarsi sui temi più vari per costruire un futuro diverso e una società partecipata dove l’arma per sconfiggere l’illegalità è rappresentata sicuramente dall’avvio di una rivoluzione culturale. Nel libro di Nardiello anche interviste realizzate da altri giornalisti a magistrati, giudici, artisti, sacerdoti, e sociologi che hanno partecipato in questi anni alla rassegna. I diritti d’autore saranno devoluti in beneficenza all’associazione “Resistenza Anticamorra”, coordinata da Ciro Corona, per la realizzazione a Scampia di un ristorante pizzeria sociale dove lavoreranno giovani del territorio, ragazzi minorenni in attesa di giudizio e condannati a scontare pene alternative al carcere.

Una risposta a “Camorra & impegno civile: il “Festival a casa del boss” per realizzare una pizzeria a Scampia

  1. Mi sono convinto che la battgalia dello spred e il conseguente avvicendamento di Berlusconi siano funzionali a far accettare all’Italia la revisione dei trattati europei e l’unione fiscale cosec come propone la Germania, senza discutere.Berlusconi difficilmente avrebbe accettato i nuovi trattati senza dire la sua e, soprattutto, provare a portare dalla sua parte anche altri Paesi dell’unione europea.L’Italia viene considerato un grosso partner della comunite0, una risorsa sec, ma da sfruttare e deve aderire in forma sottomessa, assecondare le pretese della Germania e della francia. Cosa che Berlusconi non avrebbe accettato.Avete notato durante la conferenza di Monti il posto d’onore riservato a quel giornalista tedesco che ci vuole tutti in riga con i parametri tedeschi?Che umiliazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *