Neonato rapito in ospedale a Nocera Inferiore: secondo l’ultimo identikit la donna che lo ha portato via potrebbe essere un’italiana di 35 anni circa

Secondo alcuni testimoni la donna che ha portato via il piccolo Luca dall’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore, Salerno, avrebbe circa 35 anni – stessa età della mamma del neonato – capelli neri raccolti in una coda di cavallo e sarebbe italiana. Difficile stabilire davvero che cosa è successo: l’ospedale di Nocera è dotato di un sistema di telecamere ma non funzionano e nell’orario delle visite l’ingresso è libero. Nella zona, sorvegliata dall’alto dagli elicotteri di Polizia e Carabinieri, ci sono posti di blocco dovunque per cercare il bimbo e la sua rapitrice.

Nocera Inferiore, neonato rapito in ospedale: caccia alla falsa infermiera che ha portato via il piccolo Luca

Probabilmente si è finta infemiera la giovane donna che potrebbe aver rapito il piccolo Luca, appena nato, nell’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore, in provincia di Salerno. Il neonato sarebbe stato sottratto alla mamma che era in compagnia di sua sorella con un trucco: una giovane, con il camice bianco è entrata nella stanza della puerpera, ed ha portato via il piccolino con un carrellino dell’ospedale dicendo che avrebbero dovuto sottoporlo ad una visita. Da allora non si hanno più notizie del bimbo e gli investigatori cercano una donna dal colorito olivastro, i capelli scuri, dall’apparente età di 20 anni. Forse aveva una complice, e sarebbe stata vista nei pressi della stazione di Nocera Superiore: prendeva un treno verso Salerno.