CASORIA, DUPLICE OMICIDIO. GLI SCENARI DELL'AGGUATO A ROCCO PERFETTO E SALVATORE DEL PRETE CHE SAREBBE STATO UCCISO PER CASO

Rocco Perfetto, 50 anni, era in regime di sorveglianza con obbligo di firma: ritenuto in passato personaggio di riferimento del clan Moccia, negliultimi tempi faceva il rappresentante di latticini. Salvatore Del Prete, il giovane incensurato che era con lui sarebbe diventato papà fra due mesi: non c’entra niente con la camorra. Era il nipote di Carmine Del Prete, il sindacalista ammazzato a Casal di Principe alcuni anni fa per avere denunciato un vigile urbano di Mondragone che avrebba preteso le mazzette dai commercianti. Aveva 21 anni e la vita segnata già da una tragedia: sua madre Maria nel 1992 venne ammazzata nel cortile di casa dal suo convivente. Salvatore venne ferito, se la cavò ma quella scena se la portò dietro per tutta la vita. Poi gli hanno ammazzato anche lo zio Federico, che denunciò i clan. Salvatore andò a vivere con un altro zio, Enzo, il fratello di Federico Del Prete, che da anni lotta contro la camorra. E adesso lo hanno ammazzato. “Solo un passaggio”, dice suo zio: “aveva dato solo un passaggio a Perfetto che abitava nello stesso palazzo”.