Camorra, Casalesi: arrestato Antonio Cecoro. Aiutò Antonio Iovine durante la latitanza

Si nascondeva a San Tammaro nel Caasertano Antonio Cecoro, 35 anni, iindagato per associazione mafiosa e violenza privata aggravata dall’avere agito al fine di agevolare l’organizzazione criminale di stampo mafioso denominata clan dei Casalesi. Cecoro- secondo gli investigatori della Squadra Mobile di Caserta- era uno dei più fidati luogotenti di Antonio Iovine e durante la latitanza del boss gli avrebbe a disposizione o procurato -come scrivono gli invetsigatori – appartamenti dove il boss si incontrava con gli affiliati o con le vittime di estorsioni, provvedendo ad accompagnarlo nei suoi spostamenti e recapitando i pizzini attaverso i quali O’ Ninno comunicava le sue direttive ed i suoi ordini.

20110523-102802.jpg