Capodanno tragico: uccisi dai botti Pasquale Zacchia a Pontelatone, Caserta, e Antonio Serino nel Beneventano

Due morti e più di 100 feriti: è il tragico bilancio di un Capodanno di botti in Campania. Le vittime nel casertano e in provincia di Benevento : Pasquale Zacchia,52 anni, ristoratore, ha perso la vita per l’esplosione di un petardo che stava provando forse per poi acquistarne per la serata. È stato ferito alla testa a Pontelatone; l’altra vittima è Antonio Serino, 49 anni, imprenditore edile. Era con i familiari in una villa di San Martino Sannita, in provincia di Benevento, quando un razzo è partito inavvertitamente e lo ha colpito al volto, uccidendolo. Tanti anche stavolta i feriti: un centinaio il bilancio provvisorio, la maggior parte a Napoli.
Una decina i bimbi ustionati al volto, alle mani, agli occhi.
Un appartamento a Napoli è stato devastato da un incendio per lo scoppio di un botto sul balcone.
Da registrare anche un incidente che ha sconvolto la notte di Napoli: un anziano, Giuseppe Lombardi, 81 anni è morto poco prima di mezzanotte nella esplosione che ha distrutto il suo appartamento in via Antignano, nella zona collinare della città. È stato lo scoppio di una bombola di gas, secondo i vigili del fuoco, a causare l’esplosione. Tutti gli abitanti del palazzo, 25 famiglie, sono stati fatti evacuare, l’incendio ha raggiunto anche le scale dello stabile, provocando il panico tra le persone.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *