Scampia, preso uno dei presunti killer di Pasquale Romano, ucciso per errore. Un sms non inviato gli è costato la vita

La morte di Pasquale Romano legata ad un sms mai partito. Oggi è stato arrestato uno dei presunti killer che avrebbe partecipato all’agguato a Romano, vittima innocente della camorra. È stato preso da Carabinieri e Polizia: si tratta di Giovanni Marino, 22 anni, che nell’agguato avrebbe avuto il ruolo di autista. Pasquale Romano fu ucciso nella notte tra il 15 e il 16 ottobre a Marianella, quartiere a nord di Napoli. I killer avrebbero dovuto colpire un esponente del clan della Vanella Grassi, i cosiddetti Girati.
I sicari però entrarono in azione senza aspettare un sms che avrebbe dovuto avvisarli quando la vittima designata stava uscendo dal palazzo dove si trovava anche Pasquale Romano, che era a casa della fidanzata. particolare questo che si è appreso grazie alle dichiarazioni di una donna che ha deciso di collaborare con la giustizia per paura. La donna avrebbe dovuto indicare ai sicari l’uscita dal palazzo di un nipote, Domenico Gargiulo, vero obiettivo del commando di morte ma non fece a tempo: i killer, giovanissimi, videro uscire Romano e sparano prima del segnale convenuto.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *