Scampia, lo Stato mostra i muscoli. Carabinieri e Polizia contro lo spaccio di droga

Una dimostrazione di forza nelle zone dello spaccio, nelle piazze dove i drogati fanno la fila per comprare la roba e la camorra ingrassa: centinaia fra Carabinieri e Poliziotti, con gli elicotteri e le unità cinofile hanno fatto un’operazione nelle zone dove più forte è la pressione della criminalità,
nei quartieri di Secondigliano e Scampia, in particolare all’interno dei complessi di edilizia popolare delle “case celesti“, “vela celeste”, “comparto H” e via “Vanella Grassi”.
Tantissime le perquisizioni per trovare armi e droga, inoltre con l’aiuto dei Vigili del Fuoco e dell’ASIA, sono stati abbattuti tutti gli ostacoli eretti per facilitare lo spaccio o ritardare l’intervento della forze dell’Ordine (cancellate, barriere metalliche, addirittura filo spinato) ma anche campanelli funzionanti a distanza e telecamere installate per verificare da lontano la presenza di personaggi “sospetti”.
Sono stati arrestati 4 pregiudicati, uno per spaccio di droga, uno per evasione dagli arresti domiciliari, il terzo per aver fornito false generalità e l’altro per detenzione di munizioni da guerra.

20120731-200507.jpg

20120731-200514.jpg

Torre del Greco: è morta Anna Iozzino, la direttrice dell’ufficio postale colpita dal dipendente Cristofaro Gaglione

Anna Iozzino non ce l’ha fatta, la direttrice dell’ufficio postale di Torre del Greco ricoverata nell’ospedale Cardarelli, è morta per le ferite riportate ieri mattina quando Cristofaro Gaglione, 53 anni, le ha sparato contro tre volte. La donna sembrava grave ma non in pericolo di vita, le sue condizioni però si sono aggravate fino al decesso. Dopo un inseguimento ieri Gaglione è stato astato dalla Polizia

Torre del Greco, dipendente delle poste spara alla direttrice che lo aveva trasferito. Arrestato

Per Cristofaro Gaglione, 53 anni, sarebbe stato un atto di giustizia. Così l’uomo ha spiegato ai poliziotti di Torre del Greco i motivi che l’hanno indotto questa mattina a puntare una pistola contro la direttrice dell’ufficio postale dove lavorava. Ha fatto fuoco tre volte contro Anna Iozzino, dirigente dell’Ufficio postale, poi la sua pistola si è inceppata . La donna secondo Gaglione era colpevole di averlo trasferito all’ ufficio raccomandate. Dopo una mezza giornata l’uomo è stato prima avvistato dall’alto grazie ad un elicottero e poi arrestato dai poliziotti. Anna Iozzino è stata portata all’ospedale Cardarelli dove è stata operata.

20120730-221112.jpg

20120730-221120.jpg

20120730-221127.jpg

Trenta anni fa vennero uccisi il vice questore Ammaturo e l’agente Paola. Oggi il Premio a loro dedicato

Il 15 luglio di 30 anni fa il vice questore Antonio Ammaturo, capo della squadra Mobile di Napoli e l’Agente Pasquale Paola vennero uccisi dai terroristi in piazza Nicola Amore. oggi con una cerimonia e con l’istituzione di un premio sono stati ricordati dai familiari, dal sindaco Luigi De Magistris e dal Questore Luigi Merolla, che hanno depositato due corone sul luogo della strage. Anche a Vico Equense si è svolta una cerimonia, con i familiari dell’agente Paola.

Maradona esonerato dall’Al Wasl. Aveva chiesto agli arabi rinforzi per la squadra

L’Al Wasl ha esonerato Diego Armando Maradona e lo ha comunicato attraverso Twitter: “Il consiglio di amministrazione ha deciso nella sua riunione odierna di prescindere dai servizi della squadra tecnica presieduta dall’allenatore argentino Diego Armando Maradona”, così è scritto nella nota diffusa via Twitter. Già si era parlato di divorzio fra Maradona e gli arabi subito dopo la chiusura del campionato finito all’8. posto, ma era tutto rientrato e l’allenatore era tornato a chiedere rinforzi per la squadra. Maradona a maggio dello scorso anno aveva firmato un contratto di due anni.

Caserta, falsi incidenti stradali: 42 coinvolti fra i quali medici, avvocati e cancellieri

I Carabinieri del Comando Provinciale di Caserta hanno eseguito 42 misure cautelari personali emesse dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere nei confronti di persone residenti nelle province di Caserta, Napoli e Latina per i reati di associazione per delinquere finalizzata alla truffa, alla corruzione, alla falsità in atto pubblico e ad altri reati contro la pubblica amministrazione.
Il sodalizio criminale (composto, tra gli altri, da medici, avvocati e cancellieri) utilizzava un noto centro radiologico di Casagiove, Caserta, come punto di appoggio per il “confezionamento” di falsi sinistri stradali (mai avvenuti o avvenuti in maniera del tutto diversa da quanto prospettato) per poi richiedere il risarcimento alle compagnie assicurative.
Le indagini hanno riguardato oltre 300 sinistri stradali ed il giro d’affari illegali solo parzialmente emerso ammonta a circa 4 milioni di euro.

Ischia, Monsignor Strofaldi si dimette per motivi di salute. Benedetto XVI ha detto sì

Lascia monsignor Filippo Strofaldi, vescovo di Ischia, per tanti sull’isola “padre Filippo”: “ho bisogno di riposo e di tranquillità “, ha scritto al Papa che ha detto di si al ,”Giullare di Dio”, come fu definito dopo la giornata mondiale della Gioventù di Sidney nel 2008. Il vescovo aveva saputo farsi amare da tutti e soprattutto dai giovani che vedevano in lui una guida spirituale ma anche un amico che amava suonare la chitarra e scriveva canzoni. Negli oltre 14 anni in cui ha guidato la Chiesa di Ischia c’è stato un rifiorire delle vocazioni ma nella storia ischitana è entrato con la visita di Giovanni Paolo II il 5 maggio del 2002. Non sarà facile prendere il suo posto ma a Padre Filippo gli auguri di riprendersi con un bel periodo di riposo e tranquillità sulla sua isola.