Casapesenna, Casalesi: sequestrata la casa di Garofalo bunker dove si nascondeva Zagaria. Individuate le telecamere che erano gli occhi del boss

I Finanzieri del Gico sono ancora a caccia del tesoro di Michele Zagaria e lo stanno cercando a Casapesenna, Caserta, nella cittadina che costituiva gli occhi, le orecchie e il salvadanaio del boss, soprattutto per quel che riguarda i soldi contanti. Sequestrata la casa di Giovanni Garofalo oggetto di una perquisizione avvenuta la settimana prima che Michele Zagaria venisse arrestato da Vittorio Pisani e dai suoi uomini, oggi sono stati apposti i sigilli all’immobile.
I Finanzieri con l’ausilio di Carabinieri e Poliziotti stanno setacciando Casapesenna ripercorrendo la mappa delle telecamere che Michele Zagaria controllava finanche dal bagno del bunker dove trascorreva la sua latitanza. Gli occhi del boss: una cinquantina di obiettivi puntati sulle vie d’accesso, sulle case dei cumparielli remotate e visibili tutte dal nascondiglio a cui si univa un citofono collegato con decine di altri nel paese che consentiva al capo dei Casalesi di poter palare con i suoi luogotenenti e fedelissimi senza usare le linee telefoniche intercettate dagli investigatori che gli stavano col fiato sul collo.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *