Perù, preso Artemio, capo di Sendero luminoso. I rapporti con Ammaturo, narcos della camorra

Eleuterio Flores Halas, alias comandante Artemio, non fa più paura. Il capo dei guerriglieri di Sendero Luminoso è stato gravemente ferito durante l’operazione che ha portato alla sua cattura. L’annuncio lo ha dato ieri il ministro della Difesa del Perù Alberto Otarola. Il blitz nella selva peruviana, nella zona di Santa Maria. Flores Halas, che ha 50 anni, è considerato il boss degli ultimi ‘senderistas’:entrato nel movimento 25 anni fa è accusato di 500 azioni terroristiche nelle quali sono state uccise almeno mille persone fra civili, militari e poliziotti. Vista l’età non può non aver conosciuto e avuto rapporti con un boss nostrano, Umberto Ammaturo, re dei narcos che proprio fra i guerriglieri peruviani aveva la sua base e grazie a loro avrebbe usato gli ‘avionettes’ piccoli aerei che portavano a bordo grossi quantitativi di droga proveniente proprio dalla selva peruviana. Uno scambio che i senderisti utilizzavano per finanziare il loro movimento. Coca in cambio di soldi, tanti.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page