Maltempo, neve ancora molti problemi in Irpinia, paesi isolati

Ieri in alta Irpinia un anziano è morto, era in casa e non dava notizie di sé da tre giorni :i familiari lo hanno trovato morto anche se secondo i medici sarebbe deceduto per cause naturali. Molti. Problemi in numerose piccole frazioni come Carpignano, 400 abitanti. Qui solo la strada principale viene percorsa dagli spazzaneve ma per chi ci abita è davvero difficile. I disagi comunque in Irpinia e nel Sannio sono notevoli e i sindaci che con i loro concittadini si sono rimboccati le maniche ed hanno spalato neve un po’ ovunque adesso si sentono abbandonati.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

6 risposte a “Maltempo, neve ancora molti problemi in Irpinia, paesi isolati

  1. Oggi la situazione a Carpignano è migliorata, grazie al sole che ha sciolto un po’ di ghiaccio, ma non la neve, data l’enorme quantità depositata. Nei giorni scorsi la situazione è stata difficoltosa per tutti, soprattutto per coloro che non abitano nella zona lungo la via provinciale, l’unica ad essere liberata. Tutte le contrade interne sono rimaste isolate fino a lunedì. Ognuno ha cercato di arrangiarsi alla meglio con pale, trattori e tanta buona volontà. Molti hanno lasciato l’auto nei pressi della piazza e raggiungono le abitazioni a piedi. Mio marito è dializzato e per 3 giorni a settimana deve recarsi al centro di dialisi; abbiamo dovuto più volte sollecitare il comune affinchè liberasse la strada e provvedesse a buttare un po’ di sale per evitare il ghiaccio. Qui a carpignano sono molte le persone anziane che vivono sole e anche il medico, che passa di solito 2 volte a settimana, in questi giorni non si è fatto vedere. Speriamo che la nuova ondata di freddo non peggiori una situazione già critica.

  2. 400 anime e in più sommerse dalla neve, solo ieri grazie ad un raggio di sole siamo riusciti in qualche modo a disincagliarci un minimo dal ghiaccio. La frazione è stata praticamente paralizzata fino a Lunedi, la situazione è peggiorata dal fatto che tanti anziani e alcune persone necessitate alle cure mediche non hanno avuto assitenza tale da poter uscire di casa. L’unica strada libera fino a Lunedi è stata la provinciale, solcata più volte dagli spazzaneve della provincia di avellino, ma nelle strade interne solo grazie alla grande disponibilità dei cittadini con mezzi di fortuna e tanta forza di braccia si è riusciti ad uscire per comprare un tozzo di pane!Speriamo che le previsioni meteo sbaglino e questa nuova perturbazione non ci investa, anche perchè i danni già sono ingenti, la zona è molto votata alla pertinenza agricola e ci sono tante strutture che per il peso della neve e la tenacia del ghiaccio sono crollate, altre sono in bilico, ma sopratutto la frazione è avvolta da uno spesso strato di ghiaccio creatosi questa notte con le temperature polari. Grazie per averci identificato in questa lanada desolata di ghiaccio e disinformazione.

  3. Questa mattina a Carpignano il tempo è nero ed ha ricominciato a nevicare. Come diceva Paola molte zone limitrofe alla strada principale non sono state aiutate. Io vivo a circa 700 metri dal centro. La mia famiglia, come il resto delle famiglie della contrada (che tra l’altro è la contrada più popolata del paese) è rimasta bloccata per 5 giorni. Ognuno si è arrangiato come poteva, con trattori e mezzi propri. A casa mia ci sono 2 bambini piccoli ed una persona che ha bisogno di recarsi in ospedale ogni 15 giorni per motivi di salute. Abbiamo chiamato i servizi sanitari che hanno l’obbligo, a loro dire, di recarsi da un ammalato se questo è impossibilitato a raggiungerli, e ci è stato risposto che ilproblema era nostro e dovevamo arrangiarci. Ci siamo rimboccati le maniche e in 4 abbiamo impiegato 2 giorni per liberare la strada che da casa mia porta a quella della nostra contrada e a tirare fuori le macchine da uno strato di neve che qui da noi superava gli 80 cm… mentre facevamo questo lavoro, un mezzo del comune credo è passato per la prima volta a spazzare la nostra strada, gli ho chiesto gentilmente se poteva darci una mano per raggiungere casa mia e mi è stato risposto che non poteva farlo…. ci siamo arrangiati da soli e finalmente ieri sono riuscita a raggiungere l’ospedale… e a fare rifornimenti per tutta la famiglia!

  4. Carpignano è, da sempre, abbandonato a sé stesso, così come le contrade attigue.
    Qualcuna di queste contrade è ancora bloccata dalla neve che non s’è sciolta.
    Io, a casa mia, il sale non l’ho proprio visto, e se non fosse per qualche “fesso” col trattore e qualcun altro con la pala, saremmo ancora bloccati.

    Poi esce qualcuno che dice « sì, i disagi ci sono stati, ma ha nevicato solo in montagna, in Irpinia e nel Sannio, dove sono organizzati » ed invia 1,02€ per cittadino, per fronteggiare l’emergenza.

    I Tg ci hanno completamente evitato, così come lo Stato e le istituzioni.
    Come se la peggior combinazione di “Damnatio Memoriae” Romana ed “Effetto Streisand” si fossero unite per farci dimenticare.

  5. Siamo davvero molto preoccupati, la neve continua a cadere incessantemente…è davvero troppa, noi qui tra Carpignano e Gesualdo siamo preoccupati per la troppa neve sugli alberi che ha già spezzato tanti rami che sono rimasti in bilico e quella sui tetti…il padre di mia zia ha chiamato i vigili del fuoco perchè il tetto di casa su è vecchio ed ha paura che possa cedere ed è…..in lista d’attesa…ma si può!!! Io davanti casa sono sommersa dalla neve, ma non possiamo spalarla perchè non sappiamo dove metterla, meglio tenerla così che un muro di neve alto al lato della casa! A Gesualdo i ragazzi/cittadini/pubblica assistenza ieri si sono attrezzati e dalla mattina hanno iniziato a pulire le strade del paese, almeno per consentire l’acceso allo studio medico e per rendere più accessibile l’accesso ai negozi. Bravi a questi ragazzi che hanno lavorato tanto, ma stasera siamo di nuovo punto e accapo…

I Commenti sono chiusi.