Nicola Schiavone, figlio del boss dei Casalesi, e l’hobby della pittura. Ecco un suo quadro

Un quadro di Nicola Schiavone

Un quadro di Nicola Schiavone

Una serie di quadri a tinte forti, qualche soggetto sacro, molti occhi, una scritta all’incontrario: è la scelta di vita la solitudine. Sono le opere di Nicola Schiavone, figlio del boss soprannominato Sandokan, arrestato a Casal di principe in una villetta blindata e sorvegliata elettronicamente dalla Squadra Mobile di Caserta.

Camorra, Casalesi: nella villa dove si nascondeva Nicola Schiavone anche una stanza dove dipingere

Nella villa di Casal di Principe dove i poliziotti della Squadra Mobile hanno arrestato Nicola Schiavone c’era anche una grande stanza dove il primogenito di Sandokan si dilettava a dipingere, la stessa passione di suo padre. Quando il boss venne catturato nel bunker dove si nascondeva c’erano numerose tele con soggetti sacri, i suoi preferiti

Camorra, Nicola Schiavone si nascondeva in una villa di Casal di Principe

Si nascondeva a casa sua, in una lussuosa villa di Casal di Principe: lì è stato catturato dai poliziotti della Squadra mobile di Caserta. Incensurato, 32 anni, il primogenito di Francesco Schiavone detto Sandokan era sottoposto soltanto ad una misura patrimoniale: oggi si è visto notificare anche un’ordinanza di custodia cautelare con l’accusa di essere il mandante del triplice omicidio di Villa di Briano