SAVIANO, ASSALTO AL FURGONE PORTAVALORI. RUBATI 175 MILA EURO, RITROVATA POCO DOPO UN'AUTO RUBATA A TRENTOLA DUCENTA,A POCHI PASSI DAL COVO DI SETOLA

Ancora un assalto a un furgone portavalori a Saviano, in provincia di Napoli: due rapinatori hanno aggredito due guardie giurate e sono scappati rubando 175 mila euro. I banditi sono entrati in azione quando un furgone portavalori davanti all’ufficio postale del comune del Nolano: quando uno dei vigilantes è sceso dal furgone per depositare valori ed altro è stato aggredito dai banditi a volto scoperto, con pettorine identiche a quelle del personale delle Poste. E’ stato immobilizzato, gli hanno strappato i pacchi e hanno provato a scappare trascinandolo per alcuni metri. I rapinatori -che avrebbero esploso anche un colpo di pistola- sono fuggiti a bordo di una Lancia blu. I carabinieri di Nola dopo poco hanno trovato un’auto con alcune divise delel Poste abbandonata: era stata rubata il primo dell’anno a Trentola Ducenta, nell’Agro aversano, dove due settimane fa venen scoperto un covo di Giuseppe Setola.

CAMORRA, FIUGGI, SEQUESTRATI I BENI AD APPARTENENTE AL CLAN LA TORRE DI MODNRAGONE

Il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere – sezione misure di prevenzione ha disposto il sequestro dei beni di Francesco Fontana, 55 anni, di Mondragone ma residente a Fiuggi, su proposta del Centro operativo Dia di Napoli.
Il provvedimento, eseguito dal Centro Operativo DIA di Napoli, in collaborazione con personale Centro Operativo di Roma e della Questura di Caserta che, autonomamente, aveva avanzato proposta per l’irrogazione della misura di prevenzione personale a carico del FONTANA, ha riguardato i seguenti beni, individuati a conclusione di una complessa indagine patrimoniale, intestati a familiari del proposto ma nella disponibilità diretta o indiretta dello stesso:
– concessionaria di auto e moto con sede a Fiuggi;
– capitale sociale e beni strumentali della società s.r.l. DIAFF, iscritta alla Camera di Commercio di Roma;
– capitale sociale e beni strumentali della società s.r.l. VITTORIA, con sede in Alatri; -capitale sociale e beni strumentali della società s.r.l. FIUGGI 2000 ALIMENTARI, con sede in Fiuggi;
– n. 1 autocarro;
n. 6 autoveicoli.
Il valore stimato dei beni sottoposti a sequestro e di circa 1 milione di euro.

Il FONTANA Francesco, attualmente detenuto nella Casa Circondariale di Velletri, è indiziato di appartenenza al clan La Torre, diretta dai fratelli Augusto e Antonio LA TORRE ed operante prevalentemente nel settore delle estorsioni, nel controllo degli appalti, nel traffico di stupefacenti ed altro. Nell’ambito di tale sodalizio il proposto si prestava ad avviare attività commerciali, a cambiare assegni nonché a favorire il trasferimento di capitali all’Estero, ed in particolare in Scozia ove avevano trovato rifugio molti appartenenti al clan mondragonese.